Ad Infinitum (2001)

Un CD che definirei semplicemente "entusiasmante", seppure l'entusiasmo è un'emozione che solitamente si immagina manifestata con esternazioni di tipo "plateale", mentre invece in questo caso il mio entusiasmo si è tradotto in un quieto, sereno, e soddisfatto senso di benessere personale, unito ad un' approvazione assoluta per la musica contenuta in questo dischetto… Le atmosfere sono prevalentemente oscure, e contrastano forse un po' con il colore rosso vivace della pur bellissima copertina (confezione in digipack), ma il duo "Sola Translatio" non si limita a scendere negli abissi della terra e a vagare in un buio descritto da basse frequenze... La musica si basa su continui cambi di sonorità e atmosfere, un lungo cammino tra diversi paesaggi sonori, e lungo corridoi al termine dei quali c'è sempre una porta che conduce in una stanza diversa, in un ambiente nuovo ancora tutto da esplorare. L'incedere è spesso teso e drammatico, ma non parlo di una drammaticità descritta con mezzi di "facile presa",  esplosioni dinamiche o improvvisi interventi ritmici, quanto  di una drammaticità costruita sulle progressioni, sull'avvicendarsi di momenti musicali diversi che dipingono continui, quanto ben studiati ed efficaci cambi di scena.  Difficile segnalare un brano migliore rispetto ad un altro, in un'opera così organica e da ascoltare tutta di seguito, così come un film che va seguito dall'inizio alla fine… Un ottimo CD per due artisti italiani (Stefano Musso e Matteo Zini) che hanno trovato in questa collaborazione un eccezionale punto d'incontro fra le proprie esperienze musicali individuali...    

Giuseppe Verticchio / Oltre il Suono

I suoni sono quelli consueti: divagazioni atmosferiche, strutture ritmiche ripetitive, cicli di loop, tessiture ipnotiche... ci sono ovviamente le registrazioni di suoni naturali come scrosci d'acqua, canti di uccelli e voci di animali: trattasi insomma di quella che potremmo ormai definire ambient "classica". Eppure, con gli stessi ingredienti usati da molti musicisti e non musicisti, i Sola Traslatio (Alio Die & Opium) confezionano un Cd toccante, "vero". convincente quanto pochi altri. "Ad infinitum" e' lo sguardo solenne dello sciamano che scruta l'intimita' del creato, e' la contemplazione del mistico che s'illumina dei cieli immacolati di mondi raggiungibili solo in sogno. senza parole una recensione non si puo' fare, ma con una parola sola forse si : sublime.

Piero Manocchio / Deep Listenings summer 2001

Questo Ad Infinitum, della formazione italiana Sola Translatio, è un appagante lavoro, che esce in formato CD-R, corredato da una ricco digipack.
Si tratta di una dark ambient, che non arriva mai completamente ad allontanarsi dalla luce, ma che - piuttosto - ricerca la sua essenza sul versante più atmosferico ed onirico. Fare un elenco delle bands che possiamo paragonare a questa formazione risulta decisamente inutile; ci troviamo di fronte ad un album che sviscera e ripropone, attraverso i cinque brani presenti, alcuni degli elementi più conosciuti del genere.
Una proposta elegante per un viaggio che conviene intraprendere.

Francesco Gemelli