Alio Die
News
18/09/2014

Robert Davies - Woodland Alcoves

Robert Davies has created over the years and twelve albums, a particular and unique immersive ambient music with a ...
18/09/2014

Aglaia Hymns

"nymphs, memories and reflections of ancient shipwrecks in the first light of the morning or at dusk, the space ...
07/06/2011

Cdr Ltd art-edition 99 copies - Program of upcoming releases..

La serie in edizione limitata di cdr in confezioni speciali fatte a mano incominciata con Memory Geist, ha questi nuovi ...
29/04/2011

Nuova uscita ! AGLAIA Nights in Nubiland Cd

Nuovo album annunciato per Aglaia: "Nights in Nubiland" è in via di realizzazione, i lavori per la grafica del ...
29/04/2011

Nuove uscite! ENTEN HITTI La Solitudine del Sole

Nuovo e secondo lavoro di Enten Hitti a 15 anni di distanza da Giant Clowns of the Solar World uscito nel 1996 per ...

Aglaia

Three organic experiences HSL 022

The "Cariti" are goddess of beauty,
generally represented as three sister.
They live upon Olympus mountain togheter with Muses,
with whom sometimes they sing chorus.
They pleasently follow the tracks of Apollo,
god of divination and music. Their father is Zeus, 
their mother is Eurinone, the daughter of the Ocean.
It is generally considered that "Cariti"exert every sort of 
influence upon works of mind and art.
Charis means living artis work.
In some tradition they are daughters of Erebo and
of the Night and love to dance under the pale moon light.


Beyond the threshold of the ocean, in the waterworld,
everything join and blend togheter in the fluid contact,
in the liquid interdipendent magma.
The point of view is far away, expanded to infinity.
The horizon of feeling seems to be over there.
Apparently everything rimains unchanged,
but in the becoming life continuosly changes.
Beautiful fossil shape in the long run,
in the minerale deeph.
It is here that always I find Myself...
Beyond the threshold
 
(Alio Die)
 
 
Tracks:
 
01   The mysterious fish named Kun
02      The tribe of the flying monkey
03   Seven ancient glaciers
 
Composed and recorded in September-November 2002
 
Gino Fioravanti: Concept, electronics
Gianluigi Toso: Editing, samples
 
Remastered by: Claudio Ranalli
 
Thanks to Isabella Martoni and Luisa Pozzoli for traslations.
Special thanks to: Salvatore Cortese, Attilio Tripodi, Bruno Zanzottera
 
All paints by Alessandro Savelli, cover paint "Paesaggio del cielo" 2001 (detail)
Graphic by Hic Sunt Leones
 
 



Three organic experiences (Hic sunt leones – 2003)

Aglaia (che delle Tre Grazie rappresenta lo “splendore”) è ilprogetto che raccoglie ancora un altro duo, questa volta italiano,formato dal terapista, scrittore, pittore e musicista Gino Fioravanti eda Gianluigi (John) Toso musicista classico ed insegnante. I due hannoun approccio musicale -  totalmente elettronico – del tutto particolare: il loro intento, infatti, è quello di creare delle lunghesuite, nelle quali apparentemente regna l’immobilità e dove invece il movimento sottile e costante viene dato da micro-variazioni, da pulsazioni impercettibili, da un’infinita serie di sfumature che si elidono l’una con le altre fino a formare un moto fluido dove non sono separabili l’inizio e la fine. I passaggi sonori sono così stratificatida risultare indistinguibili, come un magma in continuo divenire. Isuoni sono eteri, impalpabili, anche se a volte affiorano sonorità riconoscibili (es: una sorta di sitar), come se si fosse immersi nelliquido amniotico o in un oceano di scintillante splendore.
Ognuna delle 3 suite di cui è composto Three organic experiences,diventa un viaggio nel proprio essere interiore, alla scoperta disensazioni e percezioni che solo la complessa semplicità della musica riescono a svelare, soprattutto in maniera così profonda.

Jazzer.it



Iltitolo e' appropriato, tre brani tra loro collegati e parte di un unicoconcetto, si sviluppano con la dinamica della respirazione, dilatandosie contraendosi con la grazia della newage e la struttura di un ragaindiano. Potra' sembrare un'accoppiata blasfema mal'ascolto mi riportaalla purezza degli esordi della New Age cosi' come alla concezione deltempo tipica della musica indiana. Un buon lavoro e' stato fattosicuramente nella scelta dei suoni, molto importanti in dischi comequesto, dei campionamenti e delle sequenze, e quindi nel loroassemblaggio: tutto scorre inmodo levigato, tutto suona al postogiusto, tutto sembra colpito dalla corretta quantita' di luce, el'ascolto ne trae enorme beneficio, al punto che sono estremamenterilassato ma vigile, del tutto coinvolto. Soprattutto a bassi volumi,si crea uno spazio sonoro ideale per entrare in stati meditativileggeri, per leggere, per rilassarsi, per viaggiare interiormente.

Gianluigi Gasparetti / Deep Listenings
Share on Facebook
Alio Die
made with ORASIS design cms v 1.0©