Alio Die
News
18/09/2014

Robert Davies - Woodland Alcoves

Robert Davies has created over the years and twelve albums, a particular and unique immersive ambient music with a ...
18/09/2014

Aglaia Hymns

"nymphs, memories and reflections of ancient shipwrecks in the first light of the morning or at dusk, the space ...
07/06/2011

Cdr Ltd art-edition 99 copies - Program of upcoming releases..

La serie in edizione limitata di cdr in confezioni speciali fatte a mano incominciata con Memory Geist, ha questi nuovi ...
29/04/2011

Nuova uscita ! AGLAIA Nights in Nubiland Cd

Nuovo album annunciato per Aglaia: "Nights in Nubiland" è in via di realizzazione, i lavori per la grafica del ...
29/04/2011

Nuove uscite! ENTEN HITTI La Solitudine del Sole

Nuovo e secondo lavoro di Enten Hitti a 15 anni di distanza da Giant Clowns of the Solar World uscito nel 1996 per ...

Alio Die

Under an Holy Ritual HSL 002

HSL 002 - Pro039 CD - SVV004 Vinyl
HSL 002 - Pro039 CD - SVV004 Vinyl
..Turbe naturalistiche si insinuano in scenari ostinatamente collocabili solo negli ambiti della psiche, con cadenze inevitabilmente ipnotiche e votate alla trance.

Tracks:
 
01      Light by Initiation
02      Calls from a Lost Conscience
03      Global Construction
04      The Secret of Shady Gorges
05      Axis Mundi
06      Reflections of a Dawn
07      Invocation of the Source of Life  
08      Under an Holy Ritual 
09      Cryptic Spell
10      Back to Tikla
11      Waking up from a Wistful Day
 
 
All titles composed, performed by Alio Die except 
"Reflections of a dawn"
by Alio Die and Paolo Beltrame
 
"Under an holy ritual" was recorded and mixed between 
Januray an April 1992.
Limited Edition of 1000 copies by Hic Sunt Leones and reprinted by Projekt Records.

Under

Mp3 player

Under an Holy Ritual (1992)

Ho scoperto Alio Die l'anno scorso. Una scoperta casuale, come gia' accaduto altre volte, uno dei tanti nomi che occhieggiano da quei cataloghi specializzati in sogni che i distributori mi propongono di continuo. Quel nome mi ha attirato con un potere arcano, per un disegno del destino a me sconosciuto. Avro' ascoltato il CD"Under an Holy Ritual" centinaia di volte, restando ogni volta sconcertato di fronte a tanta profondita', e traendone ogni volta emozioni e sensazioni differenti; l'ho proposto ai miei amici ed in radio, ottenendo reazioni estatiche (segno che la buona musica e veramente il linguaggio universale); e' diventato subito uno dei dischi piu' belli del 1992 e non esiterei a portarlo con me sull'isola deserta.

C'e' tutta la storia dell'umanita', in questi 45 minuti di sogno, perche' questa e' musica che sgorga dall'anima, viva nella sua apparente, enigmatica immobilita', scarna e spettrale, introspettiva e ritualistica, grondante spiritualita' e ad un passo dal diventare preghiera solitaria. Una preghiera antichissima. immaginatela suonata al calar della sera, a basso volume, a disegnare arabeschi nell'oscurita' subentrante. Stati d'animo contrastanti sono lo specchio dei suoni ciclici e ipnotici delle elettroniche,mentre il tocco etnico delle percussioni infonde la vita.
Alio Die esplora la zona di confine tra luce ed ombra, tra sogno e realta', i labirinti del soprannaturale, le meraviglie del possibile.

Vibrazioni profonde salgono al cielo per un rituale primitivo e liberatorio, mentre il musicista-sacerdote dialoga col cuore e con la mente, alla guida di una straordinaria fabbrica di suoni; si resta rapiti dalla risacca delle onde sonore,dalla musica dell'acqua, dai sibili alchemici dispersi nelle piaghe del silenzio. Cupo e visionario, sotterraneo e nebbioso, rarefatto e medievale,questo disco e' un punto di riferimento nell'evoluzione della musica rituale.

 

GianluigiGasparetti / Deep Listening

 

 

 

Se la tradizione rumoristico-sperimentale italiana degli anni '80 si fa forte di un discreto numero di nomi, rispettato e seguito anche al di fuori degli italici confini, era qualche tempo che latitavano progetti emergenti che avessero spessore sufficiente per affiancarsi a quegli ideali predecessori; Alio Die soddisfa integralmente tale aspettativa. Stefano Musso, titolare unico di Alio Die, con "Under an Holy Ritual",pubblicato dalla sua Hic Sunt Leones, gravita in quell'area di confine tra ambient storica e scuola industriale che per fare un riferimento, ha trovato una delle sue piu' alte sintesi nei Nocturnal Emissions di Nygel Ayers; in Alio Die turbe naturalistiche si insinuano in scenari ostinatamente collocabili solo negli ambiti della psiche, con cadenze inevitabilmente ipnotiche e votate alla trance. 
Il compact e' complessivamente ottimo, rigoroso e magistralmente orientato verso una oscurita' tutta cerebrale che non manca assolutamente, pero', di sollevare suggestioni di pura emotivita'.

Paolo Bertoni / Ciao 2001

Undici brani, registrati nei primi quattro mesi del 1992,nei quali la musica di Alio Die cambia leggermente direzione. Le atmosfere si fanno meno rarefatte e astratte, e propendono per progressioni più ipnotiche e rituali, spesso costituite da elementi sonori di diversa natura, stratificati su eteree basi di loops. E' la struttura evolutiva dei singoli brani che cambia leggermente di forma, ma in "Under an Holy Ritual" si ritrova intattala caratteristica impronta musicale di Alio Die, così come abbiamo potuto conoscerla e apprezzarla sul suo precedente lavoro. Tra i frammenti da sogno che certo anche qui non mancano, desidero menzionare in particolare lo stupendo"Global Construction" con le sue atmosfere cangianti e suggestive, le sonorità oscure e inquietanti di "The Secret of Shady Gorges",la tensione sottile di "Axis Mundi", le pulsazioni rituali e ipnotichedi "Invocation of the Source of Life"...     

Giuseppe Verticchio /Oltre il Suono

Dietro a questo titolo un po'sibillino si nasconde un musicista italiano di nome Stefano Musso, creatore per altro dell'etichetta Hic Sunt Leones. Grande manipolatore di campionature, Musso ci offre qui una serie di ambientazioni insolite, belle, la cui singolarità risiede tanto nelle insolite sonorità utilizzate che nei loro incroci improbabili e nei loro sviluppi per trasformazioni progressive. Procedendo con l'impregnare lo spazio sonoro, le composizioni testimoniano una vita interiore intensa, che anima e colora ulteriori decori, tramite luce indiretta. Ne'industriale, ne' new age, ne' cupa ne' beata, questa musica fluttua, ispirata,in mondi sottili e lontani. Con le sue dorature opache, la copertina riflette il contenuto, e fa dell'insieme un oggetto musicale di alto tenore.

Bruno Heuzé (Paris) / KeyboardsMagazine

Ci sarà un motivo se oltre a Smallvoices, che l’ha ristampato in vinile, Under An Holy Ritual è stato stampato anche dalla Projekt di Sam Rosenthal oltre che dall’etichetta personale di Alio Die, la Hic Sunt Leones. Un lavoro che meglio di altri stabilisce un inedito ponte tra il terzomondismo di Jon Hassell, la mistica cosmica dei tardi Nocturnal Emissions eil gotico d’ambiente di certi Lycia.
Lontanissimo da qualunque forma di mondanità Alio Die, al secolo Stefano Musso, sin dagli esordi sul finire degli’80, non ha mai smesso di affrescare fantasiosi e indecifrabili Eden. E’ essenzialmente con l’uso di elettronica minimale e elettroacustica venata di world music irriconoscibile, che si affrescano qui mondi onirici. Come una droga Alio Die apre porte inaccessibili. Smallvoices manda in gloria la ristampa in vinile, facendo felici i collezionisti con un box a tiratura limitata contente anche il nuovo Aurea Hora. Musica da ascoltare con le palpebre calate ma con gli occhi della mente spalancati.

Antonello Comunale

Share on Facebook
Alio Die
made with ORASIS design cms v 1.0©