Alio Die
News
18/09/2014

Robert Davies - Woodland Alcoves

Robert Davies has created over the years and twelve albums, a particular and unique immersive ambient music with a ...
18/09/2014

Aglaia Hymns

"nymphs, memories and reflections of ancient shipwrecks in the first light of the morning or at dusk, the space ...
07/06/2011

Cdr Ltd art-edition 99 copies - Program of upcoming releases..

La serie in edizione limitata di cdr in confezioni speciali fatte a mano incominciata con Memory Geist, ha questi nuovi ...
29/04/2011

Nuova uscita ! AGLAIA Nights in Nubiland Cd

Nuovo album annunciato per Aglaia: "Nights in Nubiland" รจ in via di realizzazione, i lavori per la grafica del ...
29/04/2011

Nuove uscite! ENTEN HITTI La Solitudine del Sole

Nuovo e secondo lavoro di Enten Hitti a 15 anni di distanza da Giant Clowns of the Solar World uscito nel 1996 per ...

Alio Die

Le Stanze della Trascendenza HSL 016

Suoni acquatici,flauti e voci riverberate creano un'aura di arcano mistero che si risveglia in noi quando ci si trova innanzi lo spettacolo della Natura..

Tracks:
 
01      Alternate realities
02      Cicada's loop
03      Il fondo del pozzo
04      Melancholic roots
05      Desire (Intrumental)
06      Molecular dance
 
"Le stanze della trascendenza" is the second part of a trilogy of ambient music (the first part of this series is "The Hidden Spring" out on Crowd Control Act. in 1998) characterized by old sound sources I did several years ago, reworked now with modern technologies of digital multitrack recoirdings. Likewise the origins of sounds is totally acoustic, while electronic processing, in equalization, athmosphere and treatments play an important role in composition, creatively.
 
Composed, recorded and mixed by Stefano Musso
between 1994 and 1999.
Mastered on Pro Tools March 1999.
 
Instrument: Sampler, textures and drones, voice, flute, fields recordings.
Graphic by Hic Sunt Leones, Alio Die's photo by Michele Grassani.

Le

Mp3 player

Le stanze della Trascendenza (1999)

Come un fulmine a ciel sereno ecco arrivare il nuovo cd di Alio Die e precisamente l'undicesimo lavoro su dischetto, considerando anche i due mini cd finora pubblicati. Composte tra il 1994 e il 1999 queste nuove sei composizioni si collocano, leggendo le note dicopertina, come la seconda parte di una trilogia musicale iniziata nel 1998 con il cd " The Hidden Spring" uscito per la Crowd Control Activities.Niente di nuovo viene dall'ascolto di questo compact se non una nuova tappa per la ricerca di un luogo ideale, di rifugio sicuro dove potersi ritirare per meditare e contemplare le invisibili forze della Natura che interagiscono con noi. Una ricerca che Stefano ha intrapreso anni addietro e che lo (e ci) sta portando verso uno stadio spirituale e metafisico, tipico delle tradizioni ancestrali, lontano dalle attuali possibilita' umane. Un uomo (quello moderno)perso nella sua misera ricerca quotidiana di soddisfacimento di banali desideri materiali. Un legame con il Mondo Trascendente ormai inevitabilmente spezzato che rivive pero' in suoni ambient che ti rapiscono e ti calano in una dimensione atemporale. Tra drones elettronici che catturano l'essenza di certi suoni"naturali", flauti e voci riverberate si crea un aura di arcano mistero che si risveglia in noi ogni qual volta ci si trova davanti allo spettacolo della Natura che si manifesta in tutte le sue forme. Lo specchio fedele di quanto dico si evince dall'ascolto della suite "Melancholic Roots",vero fulcro dell'intero lavoro. Il rumore del fruscio dell'acqua che scorre, i versi degli uccelli piu' disparati o il canto dei grilli rigenerano il nostro spirito in un'apoteosi dei sensi. Ogni singolo rumore o suono viene amplificato mettendo a nudo la nostra capacita' meditativa ridestando quei ricordi atavici che dormono in noi. Un sogno rigenerativo e fortificante nel nome delle antiche Tradizioni.    

Ottavio Chiodo / Marble Moon #15

Signori e signore, il ritorno del re dell'ambient nostrano. Alzi la mano chi non ha MAI neppure sentito nominare Stefano Musso ed i suoi Alio Die, seminale progetto dedito all'ambient piu' puro ed in grado, nel corso degli anni, di raggiungere risultati di tutto rispetto ed una fama che ha ampiamente valicato i patrii confini, grazie anche a collaborazioni con personaggi del calibro di Robert Rich e Vidna Obmana. Ad onor di vero non tutta la poderosa discografia e' di livello supremo, ma laddove i primi lavori (soprattutto "Under an Holy Ritual" e "Sit TibiTerra Levis") mostravano ancora qualche piccolo difetto di gioventu', ilprogetto e' andato via via migliorando fino alle ultime convincentissime prove(citiamo tra le altre "Suspended Feathers" su Amplexus del '98 e"Healing Herb's spirits" in collaborazione con Antonio Testa, per Crowd Control Activities '99).
Questo nuovo 'Le Stanze della Trascendenza',uscito a breve distanza dal granitico "Password for Entheogenic Experience",ci consegna uno Stefano Musso in grande spolvero. I brani sono di grande fluidita', e la ricerca sonora raggiunge picchi di notevole intensita'. I diversi suoni, siano essi di natura elettronica o, piu' spesso, di origine naturale (registrati rigorosamente "in loco"), si fondono in un'unica tela sulla quale Stefano opera come uno stregone che prepari una pozione magica.Come un buon alchimista, che conosce sempre i giusti ingredienti, Alio Die ci trasporta attraverso paesaggi suggestivi senza mai stancare ne' risultare prolisso. Non si puo' parlare di "melodia" vera e propria, sebbene tutti i brani ne posseggano una componente ben sviluppata. E' la melodia stessa della NATURA che viene qui presentata con grande abilita'. La registrazione e'come al solito all'altezza delle aspettative, e se proprio devo muovere un appunto al disco, lo rivolgo ad una grafica piuttosto scialba ed insipida. Peril resto, come dicono gli americani, high quality stuff.

Mauro Berchi / Ritual # 2    

Share on Facebook
Alio Die
made with ORASIS design cms v 1.0©